Ansia da separazione del cane. Come abituare il cane o il cucciolo alla vostra assenza


Come affrontare l’ansia da separazione del cane? Una delle lamentele più comuni dei proprietari di cani è che il loro cane è distruttivo, dispettoso e combina disastri se lasciato solo in casa. Anche se il più delle volte comportamenti come questi indicano soltanto che il cane o cucciolo deve essere educato alle buone maniere, in alcuni casi si potrebbe trattare di comportamenti difficili da estirpare in quanto sintomi di un disagio più profondo, l’ansia da separazione.

L’ansia da separazione viene innescata quando i cani diventano agitati a causa della separazione dai loro proprietari o da chi si occupa di loro.  Alcuni cani che soffrono di ansia da separazione si agitano quando i loro padroni si preparano ad uscire di casa, altri diventano cani depressi quando i loro proprietari non sono presenti, alcuni cercano di impedire ai padroni di andarsene. Di solito, il cane con ansia di separazione abbaia entro un breve periodo di tempo dopo essere stato lasciato solo e quando il proprietario torna a casa si comporta come se fossero passati anni da quando ha visto l’ultima volta la sua mamma o papà umani!

Ansia da separazione del cane: sintomi comuni

Di seguito riportiamo un elenco di sintomi che possono indicare che i vostro cane ha l’ansia da separazione:



  1. Urinare e defecare in casa. Alcuni cani urinano o sporcano in casa se lasciati soli. 
  2. Abbaiare e ululare. Questo tipo di abbaiare o ululare è persistente e non sembra essere innescato da nulla, se non dal fatto che il cane è in vostra assenza.
  3. Mordere, scavare, grattare, distruggere oggetti e mobili. Alcuni cani con ansia da separazione mordono oggetti, telai di porte o davanzali, grattano con le zampe su porte e portoni, distruggono oggetti in casa, scavano buche in giardino. Questi comportamenti possono causare autolesionismo, come denti rotti, tagliati e zampe e unghie danneggiate. Si tratta di comportamenti causati da ansia di separazione se non avvengono di solito in vostra presenza.
  4. Scappare. Un cane con ansia da separazione potrebbe tentare di fuggire da una zona dove è confinato quando è lasciato solo o separato dal suo padrone. Il cane potrebbe tentare di scavare sotto le porte o le recinzioni e scappare attraverso porte o finestre.
  5. Girano intorno a se stessi o ripetono un percorso. Alcuni cani si muovono in schemi circolari, mentre altri camminano avanti e indietro in linea retta. 

 

Ansia da separazione del cane. Come abituare il cane o il cucciolo alla vostra assenza

Ansia da separazione del cane: perché il cane è ansioso?

Non vi è alcuna prova conclusiva che mostra esattamente il motivo per cui i cani sviluppano l’ansia da separazione. Tuttavia si ritiene che la perdita di una persona importante o un gruppo di persone nella vita di un cane può portare ad ansia da separazione. Anche altri cambiamenti meno drammatici possono innescare questa condizione psicologica. Di seguito è riportato un elenco di situazioni che potrebbero essere associate allo sviluppo di ansia da separazione.

  1. Cambio di proprietario e famiglia
  2. Cambiamento di abitudini. Ad esempio, se il proprietario di un cane lavora da casa e trascorre tutto il giorno con il suo cane, ma poi trova un nuovo lavoro che gli richiede di lasciare il suo cane da solo per sei o più ore continuativw, il cane potrebbe sviluppare ansia da separazione a causa di questo cambiamento.
  3. Cambio di residenza
  4. Variazione dei componenti della famiglia. L’improvvisa assenza di un membro del suo branco famigliare, sia a causa di morte o di allontanamento provvisorio, è grado di innescare in alcuni cani ansia da separazione.

 

Ansia da separazione del cane: cosa fare?

Se il vostro cane ha una forma lieve di ansia da separazione, il contro-condizionamento potrebbe ridurre o risolvere il problema. Il contro condizionamento è un processo di trattamento che cambia cani timorosi e ansiosi animali tranquilli e rilassati e consiste nell’associare una situazione negativa, in questo caso l’assenza del padrone, a qualcosa di veramente buono, qualcosa che il cane ami. Per i cani con ansia da separazione, questo processo sviluppa nella mente del cane o cucciolo un’associazione tra l’essere soli e le cose buone, come un cibo delizioso.

Per sviluppare questo tipo di associazione, ogni volta che si esce di casa, dovrete offrire il vostro cane o cucciolo un giocattolo farcito con il cibo come il KONG farcito con qualcosa di davvero gustoso, come formaggio morbido o cibo per cani in scatola o crocchette, che lo terrà impegnato per un po’ mentre siete via. (Per sapere cosa è il KONG). Assicurarsi di togliergli questo gioco appena tornate a casa in modo che il vostro cane associ il kong ripieno di qualcosa di speciale solo ai momenti in cui è da solo. Tenete a mente, però, che questo approccio funziona solo per i casi lievi di ansia da separazione perché i cani molto ansiosi di solito non mangiano quando i loro proprietari non sono a casa.

Casi moderati o gravi di ansia di separazione richiedono un programma di desensibilizzazione e contro-condizionamento più complessi. In questi casi, è fondamentale per abituare gradualmente un cane a essere solo partendo da molte separazioni brevi che non producono ansia e poi aumentando gradualmente la durata delle separazioni.

Di seguito viene descritto brevemente un programma di desensibilizzazione e contro-condizionamento.

La desensibilizzazione e controcondizionamento sono complesse e possono essere difficile da effettuare. Poichè il trattamento deve progredire e cambiare in base alle reazioni del pet, e poiché queste reazioni possono essere difficili da leggere e interpretare, questi esercizi richiedono la guida di un professionista educatore cinofilo qualificato ed esperto.

Come accennato in precedenza, alcuni cani cominciano a sentirsi in ansia mentre i loro padroni si preparano ad uscire. Un trattamento per questo tipo di “ansia pre-partenza” è quello di insegnare al vostro cane che quando si prendono in mano le chiavi o si mette il cappotto, non sempre significa che lo state lasciando. Potete per esempio, mettere le scarpe e il cappotto, e poi, invece di uscire, guardare la TV per un po’. Ciò consentirà di ridurre l’ansia del vostro cane ma è indispensabile ripetere questo esercizio molte volte al giorno per molte settimane. Quando vi accorgete che il cane o cucciolo non diventa più ansioso quando si accorge che state uscendo, si può passare alla fase successiva. 

Per iniziare, insegnare al vostro cane ad attendervi seduto in soggiorno mentre andate verso un’altra camera. Lasciatelo solo in soggiorno e aumentate gradualmente la durata del tempo di attesa, fuori dalla vista del vostro cane. Poi, in sessioni di esercizi successive, mettete il cappotto e scarpe e andate in un’altra camera mentre il vostro cane continua a rimanere seduto o comunque non vi segue.

Gradualmente iniziate a fare o stesso esercizio utilizzando la porta di ingresso. Con il tempo il vostro cane o cucciolo non dovrebbe comportarsi con ansia perché ha associato questo comportamento ad un gioco.
A questo punto, è possibile iniziare a incorporare assenze molto brevi. Iniziate con assenze che durano due secondi, e poi lentamente aumentare il tempo che siete fuori dalla vista del vostro cane. Quando siete arrivati fino a separazioni lunghe da cinque a dieci secondi, applicare un contro-condizionamento dando al vostro cane un giocattolo-cibo farcito appena prima di uscire dalla porta.

Durante le sessioni, assicurarsi di attendere qualche minuto per lasciare che il cane sia completamente calmo. Dopo ogni breve separazione, è importante fare in modo che il vostro cane sia completamente rilassato prima di ricominciare l’esercizio. 

Alcune regole per risolvere l’ansia da separazione:

  1. Comportarsi in modo molto calmo e tranquillo quando uscite ed entrate. 
  2. Ogni cane reagisce in modo diverso, quindi non ci sono scadenze standard. Non allungate da subito troppo i tempi di assenza per ottenere subito qualche risultato. Se rilevate dello stress nel vostro cane, è necessario ridurre la lunghezza delle vostre assenze ad un punto in cui il vostro cane può rilassarsi di nuovo. Poi ricomincia a quel livello e progredire più lentamente.
  3. Avrete bisogno di giungere fino ad assenze di 40 minuti perché la maggior parte delle risposte ansiose del vostro cane avvengono entro i primi 40 minuti che lui è da solo. Ciò significa che nel corso di settimane di condizionamento, potrai aumentare la durata delle partenze per pochi secondi ogni sessione, o ogni due sessioni, a seconda della tolleranza del vostro cane ad ogni livello. Una volta che il vostro cane può tollerare 40 minuti di distacco da voi, è possibile aumentare le assenze di grandi blocchi di tempo (incrementi di 5 minuti in un primo momento, poi più tardi incrementi di 15 minuti).
  4. Una volta che il vostro cane può stare solo per 90 minuti senza scomporsi o provare stress, significa che probabilmente può gestire da quattro a otto ore. (Giusto per essere sicuri, provare lasciandolo solo per quattro ore in un primo momento, e poi lavorare fino a otto ore piene in pochi giorni).
  5. Questo processo di trattamento deve essere realizzato nel giro di poche settimane, se è possibile effettuare diverse sessioni giornaliere durante i fine settimana e le sessioni di due volte al giorno durante la settimana di lavoro, di solito prima di andare al lavoro e la sera.








Taggato come adottamisubitoBlog

COME FARE PER

Che cosa è un percorso di addestramento Cani

Che cosa è un percorso di addestramento Cani   0

Spesso chi chiama per un problema con il suo cane chiede come funziona un percorso educativo o rieducativo. E ancora più spesso capita che la risposta a questa domanda deluda [...]