Cane corso


Il Cane Corso discende dall’antico “canis pugnax”, il molosso romano.

Il cane corso è stato utilizzato per la guardia del bestiame e la difesa personale. Veniva inoltre impiegato per la caccia alla grossa selvaggina e in guerra come cane da combattimento. Il suo nome “Corso” deriva dal latino “Cohors” che significa protettore.

Origine: Italia.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 2 – cani di tipo pinscher, schnauzer, molossoide e cani bovari svizzeri.



 

Cane corso

Aspetto generale del cane corso

Il Cane corso è un cane di taglia medio-grande che esprime forza e resistenza.

Storia del cane corso

La razza di cane corso discende dal molosso dell’antica Roma “Canis pugnax” ed è da sempre stato un cane utilizzato come cane da guardia per la casa, da guardia al bestiame e per la difesa personale a causa della sua versatilità e della sua dedizione al lavoro, della sua tenacia e resistenza unite all’insensibilità al dolore ed alla fatica. Il cane corso, da sempre legato all’uomo, lo ha seguito nei suoi spostamenti e nelle sue attività. Il numero di esemplari di cane corso si era ridotto notevolmente fino agli anni ’70 quando, grazie all’intervento di esperti e specialisti è cominciata una vera e propria operazione di recupero e salvaguardia della razza. Prendendo gli ultimi esemplari rimasti nelle regioni del sud, lentamente è cominciata l’operazione di salvataggio di questa razza di molosso leggero italiano che altrimenti sarebbe andata persa. Nel 1994 la razza è stata riconosciuta dall’E.N.C.I. e due anni dopo anche la F.C.I. ha riconosciuto provvisoriamente la razza in campo internazionale.

Carattere del cane corso

Anche se nel corso dei secoli è stato sempre utilizzato per i più svariati impieghi, il Cane Corso si è sempre distinti da tutte le altre razze, perché possiede la rara caratteristica di essere sia idoneo per la guardia sia per la difesa. I secoli non hanno impedito alla razza di mantenere le sue doti caratteriali. Rimane una razza ardita, di temperamento tenace e rimane anche un eccellente morditore, anche se non attaccherebbe mai senza un motivo valido. E’ una delle migliori razze, insieme al Mastino Napoletano, per proteggere una proprietà.

Oggi il carattere del cane Corso è influenzato dall’uomo e dalla sua organizzazione sociale. Le nostre esigenze sono mutate e di conseguenza lo sono quelle dei suoi fedeli compagni. Da cane da caccia alla grossa selvaggina, da cane protettore dei gabellieri, e delle masserie il Cane Corso si è tramutato in fedele cane da compagnia e difensore della casa. E’ un perfetto compagno di giochi, sornione con lo sguardo ironico, diffidente, consapevole del trambusto che provoca con la propria mole, è un’ autentica bomba d’ energia quando avverte il pericolo. Il Cane Corso è un cane docile, socievole, di temperamento, caratteristiche che gli sono certamente state tramandate dai suoi antenati atti ad una certa severità con gli armenti, ma premurosi e cordiali con l’unico interlocutore che avevano: il pastore o il padrone cacciatore. Come tutti i cani da pastore riassume quelle doti di equilibrio necessarie a svolgere questa delicata funzione e la definizione ” è un cane che vive con l’uomo e per l’uomo ” trova nel Cane Corso la sua massima espressione. Facilmente adattabile a tutte le situazioni ed imprevisti, non dimostra mai eccessivo nervosismo od incertezza, è sicuro delle proprie azioni, anche se la mole, negli slanci d’ entusiasmo, può creare qualche problema. Cane veramente equilibrato che abbisogna della costante presenza umana alla quale fa sempre riferimento. Docile, ubbidiente, testardo, amichevole, giocherellone, amante della compagnia sono i punti saldi che contraddistinguono il carattere del cane Corso.

Caratteristiche del cane corso

Altezza:
 – maschi da 64 cm a 68 cm 
 – femmine da 60 cm a 64 cm
Peso:
 – maschi da 45 kg a 50 kg
– femmine da 40 kg a 45 kg

Tronco: compatto e molto robusto; deve essere dell’1% più lungo dell’altezza al garrese.
Testa e muso: è brachicefale e deve misurare i 3,6/10 dell’altezza. Il muso deve essere largo e misurare circa i 3,4/10 della lunghezza tot. della testa. Gli assi longitudinali del cranio e del muso sono lievemente convergenti tra loro.
Tartufo: sempre sulla stessa linea della canna nasale, voluminoso e più piatto possibile.
Denti: ben sviluppati e completi nel numero; chiusura leggermente prognata a causa della posizione degli incisivi superiori rispetto a gli incisivi inferiori.
Collo: deve misurare circa i 3,6/10 dell’altezza al garrese.
Pelle: spessa ed aderente al corpo in tutte le sue parti.
Arti: in appiombo sia gli anteriori che i posteriori; forti, robusti e con buona ossatura.
Spalla: deve apparire lunga e obliqua. Misura il 30% dell’altezza al garrese e deve avere un inclinazione rispetto al piano orizzontale di 48-50 gradi.
Muscolatura: potente e lunga, ben sviluppata in tutto il corpo.
Linea superiore: retta con una lieve convessità lombare.
Coda: con inserimento alto e grossa alla radice. Viene amputata all’altezza della 4° vertebra.
Proporzioni: la lunghezza del tronco è dell’11% più lunga dell’altezza al garrese; la lunghezza globale della testa raggiunge i 3,6/10 dell’altezza; l’altezza del torace è 5/10 dell’altezza.
Pelo: corto, aderente, e possibilmente lucido e brillante.
Colori ammessi: nero, tigrato, fulvo e grigio.
Difetti più ricorrenti: enognatismo, divergenza degli assi cranio-facciali, canna nasale montonina, occhi chiaro, altezze fuori standard, ambio, parallelismo accentuato degli assi cranio-facciali, convergenza molto marcata, criptorchidismo, monorchidismo, anurismo.

Malattie del cane corso

Le malattie per le quali si consiglia la vaccinazione sono le seguenti: cimurro, parvovirosi, leptospirosi, parainfluenza e rabbia. Inoltre si consiglia come sempre di eseguire periodicamente le operazioni di verminazione dell’animale.

Inoltre ci sono delle malattie alle quali la razza del cane corso è solitamente più soggetta. Ad esempio malattie come l’entropion e l’ectoprion, che sono dei difetti nella conformazione delle palpebre, delle malformazioni, rivolte rispettivamente verso l’interno e verso l’esterno. Oppure la displasia dell’anca, che consiste in uno sviluppo non regolare dell’articolazione dell’anca. Altra malattia ereditaria è la dendroclicosi, una malattia della pelle provocata da un acaro parassita che vive nei follicoli del pelo e provoca perdita di peli e arrossamenti. Infine una malattia generica dei cani dalla quale però bisogna ben guardarsi è la filariosi cardio-polmonare, causata da un verme parassita che da adulto vive nel cuore e nelle arterie degli animali colpiti.

Alimentazione del cane corso

L’alimentazione del cane corso e la quantità di alimenti da fornirgli è strettamente correlata al suo stile di vita. In un cane attivo si potrà anche abbondare con le razioni, mentre in un cane sedentario si dovrà stare attenti alle dosi. I pasti consigliati sono tre, e possono essere sia a base di alimenti umidi che di alimenti secchi. Adatte all’alimentazione sono le crocchette e i biscotti grandi e duri ma fate attenzione al prezzo degli alimenti: mangimi poco costosi facilmente hanno una qualità medio bassa che potrà influire negativamente sullo sviluppo e sulla salute del vostro cane. Se volete potete provvedere anche ad una alimentazione casalinga, cucinata e ideata da voi, ma stando attenti che le proporzioni tra i diversi principi nutritivi siano sempre rispettate: proteine dalla carne bianca e rossa e carboidrati di origine vegetale. Le proteine possono saltuariamente anche provenire da alimenti come pesce, uova o formaggio (magro).

Se vuoi sapere di più sul cane corso > http://it.wikipedia.org/wiki/Cane_corso_italiano

 








Taggato come adottamisubitoBlog

RAZZE CANINE

Razze cani: razze canine e classificazione cinofila

Razze cani: razze canine e classificazione cinofila   0

Le razze di cani riconosciute attualmente dalla FCI (Fédération cynologique internationale) sono 399; nel nostro paese le razze riconosciute sono raggruppate in dieci gruppi come stabilito dall’Enci, l’ Ente Nazionale Cinofilia Italiana , ente che ha il [...]