Viaggiare con il gatto


Viaggiare con il gatto. Avete mai provato ad andare in viaggio con un gatto? Il gatto detesta gli spostamenti, sia in macchina sia con altri mezzi di trasporto. E’ per questo che, soprattutto per dei periodi di vacanza brevi, è sempre meglio trovare un amico o un’amica che passi a casa vostra a portare del cibo al gatto e a cambiargli la lettiera. Se prendete in affitto una casa per le vacanze, anche per un mese, il gatto si adatterà solo se ve lo porterete regolarmente, abituandolo fin da piccolo.

Se il vostro gatto vi sembra svogliato o inappetente, o se comincia ad urinare dove non dovrebbe, non esitate a consultare il veterinario.




Anche su un breve tragitto (per esempio quello per recarvi dal veterinario), il gatto può essere disturbato dalla macchina, dall’autobus o dal treno.

Viaggiare con il gatto

Il caldo, la penombra e il silenzio lo rassicurano: mettetelo nel suo trasportino (coperto da un lenzuolo), sistemando sotto di lui un panno ricoperto di carta assorbente.

Se è emotivo, si “lascerà andare” nei primi 5-10 minuti di viaggio. In questo caso rimuovete la carta assorbente per permettere al vostro gatto di proseguire il viaggio all’asciutto. Un piccolo trucco: collocate il trasportino in una cassetta porta-lettiera poco riempita. In questo modo l’urina scolerà attraverso il trasportino lasciando il gatto all’asciutto. Questa astuzia proteggerà inoltre il sedile o i tappetini della vostra macchina.

Se il tragitto è lungo, concedete al gatto delle pause per mangiare – preferibilmente crocchette- e bere – acqua fresca- ma non lasciate nulla a sua disposizione nella gabbia o nella scatola.
E’ molto discutibile se convenga dare dei sedativi ai gatti che si mostrano insofferenti al viaggio. Chiedete il parere del veterinario, perchè molti di questi farmaci si rivelano più dannosi che benefici.
Durante il viaggio non lasciate mai il gatto libero nell’abitacolo, in quanto un gatto innervosito può facilmente intralciare i movimenti del conducente.
Lasciare un animale, cane o gatto, dentro l’auto parcheggiata sotto il sole è rischioso, e può addirittura essere letale. Surriscaldamento e morte per ipertermia sono gli effetti dell’intensa insolazione della macchina, che si comporta come una serra. E’ sempre necessario aprire parzialmente un finestrino se si lascia per qualche minuto (mai oltre) il gatto incustodito in auto.

 








Taggato , , come adottamisubitoBlog

SALUTE E CURA GATTI

Fip gatto: peritonite infettiva felina

Fip gatto: peritonite infettiva felina   0

Peritonite infettiva felina: che cosa è? Si chiama Fip ma è conosciuta anche come peritonite infettiva felina ed è una malattia molto contagiosa tra i gatti. Non si trasmette all’uomo ma il [...]